Promoting the unified image of the Italian tourist offer

UNDICI REGIONI ITALIANE CON L’ENIT ALLA MITT DI MOSCA

Ben 11 le Regioni italiane (Campania, Emilia, Romagna, Friuli V. Giulia, Lazio, Liguria, Sicilia, Sardegna, Puglia, Valle d’ Aosta, Piemonte, Marche) che, insieme alla Provincia Autonoma di Trento e a 13 spazi personalizzati saranno presenti nello stand allestito dall’ ENIT-Agenzia - di oltre 1000 mq. – a Mosca per presentare l’offerta dell’ Italia turistica alla MITT, in programma dal 16 al 19 marzo prossimi, in uno dei mercati più promettenti dell’area BRIC, di cui la Russia fa parte. I mercati Bric (Brasile, Russia, India, Cina) sono ormai comunemente considerati i più dinamici anche sotto il profilo turistico e dove l’apporto delle attività di stimolo della domanda e di indirizzo dell’offerta messe in campo da ENIT sono uno strumento indispensabile per il settore turistico nazionale.

Attualmente l’economia sovietica è compresa tra le 12 più potenti del mondo, al 7° posto per potere d’acquisto.

Significativo l’aumento del rilascio dei visti turistici nei mesi di gennaio-febbraio del 2011 - che ha fatto registrare un trend in salita rispetto allo stesso periodo dell’ anno precedente – confermato dai dati della Banca d’Italia che segnalano un aumento della spesa dei russi in Italia del 33% nel 2010.

“E’ particolarmente importante la presenza italiana alla manifestazione – rende noto il Presidente dell’ ENIT-Agenzia, Matteo Marzotto – nell’anno che festeggia i rapporti storico culturali tra i due Paesi attraverso un cartellone di eventi che coinvolgerà Roma, Milano, Mosca, San Pietroburgo e numerose altre città italiane e russe”.

“I prodotti turistici italiani maggiormente richiesti dai turisti russi – aggiunge il Direttore Generale, Paolo Rubini – continuano ad essere le città d’arte con i circuiti classici, ma si registra un interesse crescente (51%) anche per l’Italia nascosta ed i suoi tesori. Si consolida la domanda verso i centri balneari (31%), mentre è aumentata la domanda di turismo invernale (45%).

Back to top