Promover la imagen unificada del turismo nacional

Facebook logo Twitter logo Youtube logo Slideshare logo

ENIT AL WTM LATIN AMERICA 2019: RUN PER IL CENTENARIO DELL’AGENZIA, VIRTUAL REALITY E IL RICORDO DI AYRTON SENNA

Abr 02, 2019

L’ospitalità italiana cattura il Sud America: in aumento numero di turisti e spesa. Oltre alla scelta della comodità degli hotel, si fa spazio l’avanzata dell’extralberghiero. Sono i brasiliani in vacanza all’estero a spendere di più. Gli arrivi aeroportuali dall'Area Sud America nel 2018 sono cresciuti del +6,7% rispetto al 2017.

Enit partecipa alla Wtm Latin America 2019, la principale fiera mondiale per l’industria di viaggi del continente, dal 2 al 4 aprile prossimi a San Paolo. Nella tre giorni di eventi b2b attesi migliaia di visitatori presso lo stand Italia allestito dall’Agenzia Nazionale del Turismo. Nello spazio di 99 metri quadrati verrà ospitata la Regione Emilia Romagna nonché 14 espositori tra i quali compagnie aeree, tour operator ed hotel che presenteranno le offerte per il mercato brasiliano. Novità di questa edizione è la promozione della Corsa Italia, speciale esperienza run di 6 chilometri in programma il 9 giugno a San Paolo, uno degli eventi che anticipa le celebrazioni per il centenario Enit. Un’area sarà dedicata alla Virtual Reality che consente di vivere l’esperienza della realtà virtuale declinata in tre percorsi (città d’arte, food e lifestyle) uniti dal fil rouge del patrimonio Unesco, ma anche all’insegna della sostenibilità e dell’inconfondibile lifestyle italiano, da vivere e condividere online. Verranno inoltre distribuiti gadget promozionali a tutti i visitatori dello stand e una guida sulle regioni italiane con una mappa stradale della Penisola. Sarà una cena istituzionale il 2 aprile al Terraço Italia, rinomato ristorante italiano della capitale brasiliana, a favorire il networking tra operatori, stampa ed espositori. Protagonisti della serata gli chef Manuela Barbolan e chef Pasquale Mancini e il sommelier Francisco Freitas: presenteranno i prodotti enogastronomici del Bel Paese con l’accompagnamento del pianista Daniel dos Santos Gonçalves e del tenore Daniel Umbelino e del Soprano Simone Luiz che canteranno famose arie di autori italiani. Prevista la presentazione, (con il direttore dell’IF - ImolaFaenza Tourism Company, Erik Lanzoni) degli eventi legati al ricordo del pilota Ayrton Senna che si terranno all’autodromo di Imola nel 25esimo anniversario della morte del campione il prossimo primo maggio.

L’Italia è sempre più attrattiva per i flussi latino americani: Secondo l’Ufficio Studi Enit su dati Istat e Banca d’Italia e Unwto gli arrivi aeroportuali dall'Area Sud America nel 2018 sono cresciuti del +6,7% rispetto al 2017. I flussi turistici nelle strutture alberghiere italiane dai principali Paesi latino americani risultano in aumento nel 2017 rispetto al 2016. Gli hotel ospitano la maggioranza dei flussi da ogni Paese, anche se nel biennio considerato cresce maggiormente la ricettività extra-alberghiera per entrambi gli indicatori, arrivi e presenze. In aumento il totale dei viaggiatori alle frontiere (+17,1%) e la spesa (+11,2%) dei turisti provenienti dai Paesi latino americani in Italia mentre risultano in leggera flessione i pernottamenti (-0,3%). In termini di spesa turistica, si registra un +12,5% degli introiti dal Brasile, pari a 720 milioni di euro, e dall’Argentina (+25,5%), ma anche è aumentato anche il numero di turisti messicani. Sono ancora una volta i brasiliani a spendere di più superando per budget Argentina e Messico.

“Quello sud americano è un mercato in espansione che pesca dal passato, si rigenera grazie anche al turismo di ritorno. Il merito di questi successi va in particolare all’accordo di cooperazione tra Italia, Argentina e Brasile firmato dal ministro delle Politiche agricole e del Turismo Gian Marco Centinaio - commenta il presidente Enit Giorgio Palmucci - La conoscenza delle eccellenze italiane passa anche dalla nostra capacità di rafforzare la comunicazione del percorso esplorativo: un’esperienza che trova slancio anche nella centralità del food” conclude Palmucci.

 

Back to top